[Old Forum] [Avventura] Manhunt ( seguito di We Have Explosive )

Entra nell’universo di MERCs e diventa anche tu uno dei guerrieri più temibili del Sistema!
Bratt
Messaggi: 59
Iscritto il: 20/09/2016, 15:36

[Old Forum] [Avventura] Manhunt ( seguito di We Have Explosive )

Messaggioda Bratt » 30/12/2016, 12:54

Carlo

Ciao a Tutti,
quella che segue è la continuazione dell’avventura We Have Explosive che ho pubblicato su questo forum circa un mese fa. Come sempre, molti dettagli sono lasciati al Master ( es. le schede dei PNG, la descrizione delle località ), così che ognuno può modificarli ed adattarli al meglio alle sue esigenze ( e a quelle del suo gruppo ).
MANHUNT
Dopo aver recuperato la testata nucleare, i PG vengono assoldati per rintracciare e catturare il mercante d’armi che l’ha messa in vendita illegalmente.
Png: Mr. Barrera ( inviato del GN ), Farhad Amedhani, milizia di Amedhani, Black Heaven, SOG del GN
Tier 1 – briefing and insertion
Al tavolino di un bar di Grouth, in un’elegante piazza del centro della capitale ( ??? ), il leader del gruppo riceve un briefing “ufficioso” da un rappresentante del GN. A garanzia che l’ufficiosità dell’incarico non si trasformi in un boomerang per il gruppo è presente anche un rappresentante del Circuito. Dopo i convenevoli iniziali ( complimenti per come è stata condotta la missione su Solomon e per il suo felice risultato ), Mr. Barrera, l’inviato del GN, spiega al PG che i Servizi d’Informazione del Governo Neutrale hanno indagato sull’origine del carico contenente l’ordigno nucleare, fino a giungere all’identificazione del venditore. Si tratta di Farhad Ahmedani, un noto criminale di Caligola specializzato nel traffico di armi e di stupefacenti. Per evitare imbarazzi con gli altri governi ( giustificare come un’arma così pericolosa come una testata di classe Acheron sia potuta sfuggire alle maglie dei controlli del GN ) è necessario che Mr. Ahmedani venga prelevato con una certa discrezione, e quindi senza che il Governo Neutrale venga coinvolto in maniera diretta. L’incarico, se il gruppo è intenzionato ad accettarlo, prevede il trasferimento dei MERCs su Caligola come semplici turisti: qui, in un edificio affittato per l’occasione, potranno recuperare tutto il loro equipaggiamento e mettere a punto gli ultimi dettagli per l’esecuzione della missione. Affinché la copertura dei PG non corra il rischio di saltare per colpa di qualche funzionario corrotto, né le forze di polizia locale né i funzionari del GN su Caligola saranno informati dell’operazione. Questo significa che, se le cose si dovessero mettere male, i PG non potranno aspettarsi l‘ aiuto di nessuno. Tuttavia, ad un’elevata pericolosità corrisponde anche un’elevata retribuzione: infatti, oltre al consueto compenso in CELL, il gruppo si troverà ad essere creditore di un favore importante con il GN, un favore che, data la natura del loro business, al momento della sua restituzione potrebbe rivelarsi di importanza “vitale” per i PG.
Una volta accettata la missione Mr. Barrera consegnerà un tipo particolare di “starter” al PG, oltre ad una password per accedere alle informazioni che vi sono contenute.
Il briefing ai PG sarà fatto in parte dal leader del gruppo, in parte da Mr. Barrera collegato in oloconferenza, e avrà luogo nella sede del gruppo ( se ne hanno una ) o in un qualsiasi locale sicuro. Le informazioni da passare ai PG sono:
• Nome e dettagli circa Farhad Ahmedani ( foto, età, precedenti criminali, stato attuale )
• Posizione e mappa dettagliata della sua casa-fortezza
• Stima delle forze ostili a difesa della casa ( sia al suo interno che nei dintorni )
• Informazioni sulla base del gruppo a Sirius ( sua posizione rispetto alla casa del bersaglio, equipaggiamento reperibile al suo interno, vie di accesso e vie di fuga…)
• Informazioni aggiuntive sulla missione ( svolgimento , conclusione, modalità di estrazione )
1) Farhad Amedhani ha 45 anni, ed è una delle figure criminali di spicco del pianeta Caligola. La sua “carriera”, cominciata a 14 anni come piccolo spacciatore, è un susseguirsi di crimini che vanno dalla strage al traffico interplanetario di droga e armi, passando per un’interminabile serie di omicidi, rapimenti, estorsioni etc. Come ogni buon trafficante che si rispetti, si è conquistato sapientemente ( = comprato ) l’appoggio incondizionato della comunità e delle istituzioni. Farhad Amedhani può disporre in zona di un vero e proprio esercito, oltre che di numerose squadre di veri professionisti.
2) La casa di Amedhani è una villa fortezza di 3 piani, un edificio che spicca tra le case fatiscenti del Bakhara Market. Al primo piano si trovano perlopiù i locali di servizio ( cucina e dispensa, uno studio in cui accoglie ospiti occasionali, lavanderia, una palestra etc ), al secondo piano un vasto salone con due grandi balconi ( si tratta della “sala delle udienze” di Amedhani, dove intrattiene i suoi veri ospiti e dove discute di affari ), una grande biblioteca, la sua camera da letto, mentre al terzo piano si trovano le stanze della servitù ( 4 persone, tra cuoca e cameriere ) e delle guardie del corpo ( 6 in tutto ).
3) Oltre alle 6 guardie del corpo all’interno della casa, sui tetti intorno all’edificio sono sempre presenti almeno 5 / 6 sentinelle: 4 di loro sono armate con fucile d’assalto leggero, 1 con un fucile di precisione, 1 con fucile d’assalto e lanciarazzi leggero ( tipo RPG4000 ). Dal momento in cui venisse dato l’allarme, l’intera zona si trasformerebbe in un vero vespaio ( in termini di gioco, ogni 3 turni arrivano 1d6 + 1 di uomini armati )
4) La base dei PG a Sirius è in un magazzino situato al quarto piano di un edificio fatiscente. E’ un unico grande salone dotato di 2 enormi finestre che occupano una delle pareti lunghe della stanza. Al suo interno, chiuse in anonime casse di legno, le armi e l’equipaggiamento dei PG ( in questo caso NON sono previste uniformi di nessun tipo ), due tavoli, 4 semplici sedie, un impianto di condizionamento, alcune provviste, 2 terminali ONO SENDAI. Dal tetto di quest’edificio si ha una visuale completa dell’area circostante e della disposizione delle sentinelle a guardia della villa di Amedhani. Il bersaglio dista in linea d’aria una settantina di metri.
5) Da un vicolo che corre lungo il lato sud della casa si arriva ad una rimessa sgangherata ( poco più di una baracca di lamiere chiusa da un catenaccio ) al cui interno è parcheggiato un SUV di tipo militare ( HMAWV , High Mobility Armoured Wheeled Vehicle ). Con quello dovranno raggiungere il Checkpoint Tango, dove consegneranno il prigioniero agli uomini del GN. Da lì poi, utilizzando un altro veicolo, raggiungeranno lo spazio porto di Sirius, dove un veivolo del Circuito li attende per portarli fuori dal pianeta.
Una volta chiariti tutti i punti e definiti i dettagli, i PG verranno invitati a fare i loro preparativi. La partenza per Caligola è prevista 48 ore dopo la fine del briefing, con un normale volo passeggeri in partenza dallo spazioporto di Grouth. I MERCs dovranno presentarsi in abiti civili, disarmati, da soli o in gruppi di due al massimo. Per tutta la durata del volo e fino al loro arrivo alla base di Sirius dovranno mantenere la finzione di essere dei comuni turisti e di non conoscersi tra di loro.
Tier 2 – Target acquired
La prima cosa che i PG noteranno al loro arrivo su Caligola sono la luce quasi accecante ed il caldo intensissimo. Visto dall’alto, il paesaggio è un interminabile deserto, punteggiato da rare città di cui Sirius è in assoluto la più grande e la più popolata ( 23000000 di abitanti ). La città, con l’esclusione delle zone turistiche e residenziali, è un dedalo di viuzze e stradine polverose, strette ad ogni lato da bassi edifici intonacati di bianco o di beige ( è raro che salgano oltre il quarto piano ). Durante le ore “calde” la temperatura sale facilmente oltre i 40° C ( toccando a volte punte di 50-52°C ) e le strade si svuotano: in questi momenti della giornata infatti, il caldo rende impossibile anche l’attività più semplice. Giunti a destinazione ( dallo spazioporto al magazzino possono prendere un normalissimo taxi ), i PG possono prendere possesso del proprio equipaggiamento, controllarlo e prepararlo. Tramite i due terminali sui tavoli, possono facilmente accedere alla rete e quindi alle informazioni di cui potrebbero avere bisogno. Infine, tramite una scala interna, possono accedere al tetto dell’edificio, da cui è possibile avere un’ampia visuale di tutta la zona circostante. La casa del bersaglio è facilmente visibile a nord-est, a circa 70 metri in linea d’aria, ed è facilmente raggiungibile tramite i tetti degli edifici vicini. L’unico problema è costituito dalle sentinelle appostate sui tetti ( in tutto 6 ), che possono essere eliminate ( a patto che i PG dispongano di fucili dotati di silenziatore ) o evitate ( saranno necessari almeno 5 Tiri su Furtività per poter arrivare fino all’obiettivo senza metterle in allarme ). L’eliminazione silenziosa delle sentinelle ( balestra tattica, corpo a corpo… ) è un’opzione ulteriore, anche se in assoluto la più problematica ( richiede che il PG si avvicini parecchio al suo bersaglio ). Completato l’avvicinamento, entrare nella casa di Amedhani sarà abbastanza semplice, in quanto allarmi e sistemi anti-intrusione sono off line durante il giorno ( il trafficante si sente al sicuro, circondato dai suoi uomini e protetto dalla polizia locale ). L’opzione più semplice è entrare dal tetto, tramite una delle finestre delle camere della servitù ( girando una carta, se esce Picche una delle cameriere sta riposando nella sua stanza ) o delle guardie ( girando una carta, se esce Picche una delle guardie sta dormendo nella sua branda ). Farhad Amedhani è attualmente impegnato con degli ospiti ( 3, di cui 2 sono armati ) nel salone del secondo piano: oltre a loro 4, sono presenti nella stanza 4 guardie armate ( 2 pistole, una mitraglietta ( Vertex ) e uno shotgun ( altre due armate di mitraglietta, se una non è già stata uccisa in una delle camerate del 3° piano, sono davanti alla porta della sala ) . Qui si presenta il primo problema. I 3 “ospiti” sono in realtà Dalamariani ( un “diplomatico” e due militari delle Forze Speciali ) e sono qui per discutere della testata nucleare che avrebbe dovuto essere consegnata ai Figli di Gaia su Solomon Primo. La stanza è protetta da dispositivi anti-intercettazione, per cui è impossibile che i PG possano captare pezzi di conversazione. Né il rappresentante di Dalamar ( Damien dan Vorst ), né le sue guardie interverranno contro i PG al momento dell’irruzione, ma daranno immediatamente l’allarme dopo che i MERCs avranno portato via Amedhani. Oltre alle guardie nell’edificio, uscendo i PG dovranno vedersela con le altre 4 di guardia nel cortile della casa. E’ evidente che, maggiore sarà il rumore che faranno ( colpi d’arma da fuoco, flash bang…etc ) e maggiore sarà il numero di rinforzi che accorreranno in aiuto di Amedhani.
Tier 3 – escape velocity
Raggiungere il “box” in cui è stato nascosto il veicolo è questione di 5 minuti, anche considerando il peso morto che i PG si stanno tirando dietro ( e che, in caso di scontro a fuoco, devono proteggere a tutti i costi, al limite di fargli scudo con il proprio corpo ). Ma anche dopo essere saliti sul HMAWV i problemi non saranno finiti, dal momento che i PG dovranno affrontare un furioso inseguimento, con almeno 1 SUV e tre moto incollate alla loro scia. Quella che segue è una scena veramente frenetica, con il SUV dei PG e gli inseguitori che sfrecciano tra i vicoli e le strade del Bakhara Market scambiandosi una tempesta di proiettili. L’inseguimento non durerà più dei 5 Turni standard, che dovrebbero essere sufficienti ai PG per seminare / eliminare gli uomini di Farhad e contemporaneamente uscire dal Bakhara Market ( e immettersi su una delle arterie principali del traffico cittadino ). Ed è qui che i PG, dopo alcuni minuti di guida tranquilla, dovranno affrontare la seconda ondata di nemici. Infatti, pochi secondi prima dell’impatto, uno dei PG ( quello che tirerà la carta più alta escludendo il guidatore ) vedrà un missile di tipo RPG in volo verso il Suv su cui stanno viaggiando. L’esplosione sarà sufficiente a far volare il pesante veicolo ( che atterra sul tettuccio ) senza causare danni agli occupanti. A circa 50 / 70 metri davanti e dietro di loro, la strada è bloccata da due SUV neri, da cui escono due gruppi di fuoco di Black Heaven, ognuno composto da 4 uomini. La sparatoria che segue deve essere la replica SF della famosa scena del film Heat -La Sfida ( o di uno dei livelli di Ghost Recon, ambientazione Pakistan ) con i civili che scappano urlando da tutte le parti mentre uomini in tute di kevlar nero avanzano sparando da entrambe le direzioni: i Black Heaven sono altamente professionali ma scarsamente interessati a limitare i danni collaterali, per cui falceranno tutto quello che si viene a trovare sulla loro linea di fuoco. Se possibile, cercheranno di liberare Farhad, ma se dovesse rivelarsi troppo difficile tenteranno di eliminarlo. Nel frattempo, altri mercenari stanno convergendo sulla zona a bordo di 2 eliveivoli d’assalto, ognuno con 8 uomini a bordo. I PG devono sganciarsi nel più breve tempo possibile, recuperare un nuovo mezzo e darsi alla fuga, possibilmente con il loro prigioniero ancora in perfetta salute.
Tier 4 – out of the trap
Assumendo che anche questa volta i PG siano riusciti a sfuggire alla morte e alla cattura, resta da risolvere il problema di attraversare mezza città per raggiungere il Checkpoint Tango, dove potranno consegnare Farhad agli uomini del GN e terminare così la loro missione. Qualsiasi richiesta di aiuto, al GN o al Circuito, è assolutamente esclusa e i PG devono escogitare qualche sistema per:
• trovare un nascondiglio fino a notte, quando la temperatura si abbasserà
• arrivare fino al checkpoint senza essere individuati
Pur considerando che a questo punto a Sirius TUTTI li stanno cercando ( i criminali, la polizia locale, le truppe GN in appoggio al governo locale e i MERCs del Black Heaven ) i PG hanno numerosissime opzioni per sfuggire alla cattura ( nascondersi nelle fogne, nei tunnel sotterranei che corrono sotto la superficie di Sirius, in qualche edificio industriale abbandonato…etc ). La descrizione del DOVE e del COME va lasciata ai giocatori, e sebbene un certo realismo debba essere rispettato, tuttavia dovrebbe essergli concessa la possibilità di arrivare fino al Checkpoint Tango. Per aggiungere un briciolo di suspense, il viaggio verso la salvezza può essere gestito in due modi ( o in una combinazione di entrambi ), e cioè:
1) Numerosi tiri su Percezione, Furtività e Bassifondi, per evitare posti di blocco, agguati e inseguitori e rompiscatole vari
2) Alcuni scene selezionate di combattimento furtivo ( eliminazioni in CQC, cecchinaggio silenzioso , etc…)
Questa è anche un’ottima occasione per testare la “moralità” dei PG, mettendo sulla loro strada anche PNG che non rientrano necessariamente nel gruppo dei “cattivi” ( una pattuglia di 2 poliziotti di quartiere, un posto di blocco con due soldati del GN, vari civili… ) e che quindi dovrebbero essere affrontati con un ricorso minimo alla violenza.
A seconda di quanto tempo ci mettono per arrivare al Checkpoint Tango i PG troveranno:
1) la notte stessa: i PG troveranno ad attenderli gli uomini dei Servizi del GN. Nervosismo e tensione sono ai massimi livelli, è chiaro che la copertura dell’operazione è saltata. E’ necessario uscire da Caligola il più in fretta possibile. Mentre i SOG ( 5 in tutto ) si preoccupano di smantellare tutto quello che possono e predisporre la distruzione del resto ( mentre parlano due agenti piazzano numerose cariche di esplosivo in giro per l’edificio ), ai PG viene ordinato di abbandonare le armi ( possono tenere coltelli e pistole ) e di dirigersi immediatamente allo spazioporto. Lì troveranno ad attenderli due rappresentanti del circuito, che li faranno salire su una navetta “privata” con cui abbandonare il pianeta. La missione è terminata con successo.
2) La notte successiva all’operazione: quando arrivano al checkpoint Tango i PG ( o perlomeno quelli che superano un tiro su Percezione ) noteranno immediatamente che “qualcosa NON va”! In effetti il covo degli uomini del GN è stato appena scoperto e conquistato dai MERCs del Black Heaven, che si stanno accingendo a interrogare i due SOG sopravvissuti all’ irruzione. I PG hanno l’opportunità di arrivare in tempo per impedire che i GN vengano torturati e uccisi, riuscendo magari a catturare uno dei Black Heaven. Anche in questo caso è necessario che l’eliminazione dei BH avvenga il più discretamente possibile ( ci sono 4 MERCs fuori dall’edificio, 2 dentro che sorvegliano un agente e altri due che stanno interrogando l’altro ). Sebbene più faticosamente, anche in questo caso la missione termina con un successo.
3) Due o più notti dopo l’incursione. I PG troveranno ad attenderli gli uomini dei Servizi del GN. Nervosismo e tensione sono ai massimi livelli, è chiaro che la copertura dell’operazione è saltata. E’ necessario uscire da Caligola il più in fretta possibile. Mentre i SOG ( 5 in tutto ) prendono in custodia Farrad Amedhani, il capo degli Agenti ordina ai PG di abbandonare le armi così che potranno essere scortati fino allo spazioporto dove una navetta del Circuito li porterà fuori da Caligola. Purtroppo però non si tratta dei SOG del GN, ma di 5 elementi del Black Heaven che, dopo aver interrogato e poi ucciso i veri agenti, sono rimasti ad attendere i MERCs ed il loro prigioniero. E’ possibile far fare a ogni singolo PG un tiro su Percezione ( penalità -2 o -4 ) per vedere se notano qualche particolare che riesca a metterli in allarme ( un foro di proiettile in una delle pareti, macchie di sangue su un muro intraviste attraverso una porta appena accostata, un tatuaggio su uno dei presunti agenti…). Se si accorgono dell’inganno incomincia l’inevitabile combattimento ( e questa volta sono i Black Heaven a doversi preoccupare dell’incolumità del trafficante ), altrimenti i PG verranno disarmati e condotti via su un SUV ( con un altro che li segue a distanza di sicurezza ): poi verranno portati in un posto “tranquillo” e uccisi…anche in questo caso avranno la possibilità di salvare la pelle combattendo, ma dovendo affrontare disarmati 5 MERCs armati fino ai denti è probabile che non sopravvivano. La missione termina, e la vita dei PG anche!!!

-------------------------------------------

Giuseppe

Figata!

Torna a “MERCs”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite